La forte astrazione di ciò che interviene come “nuovo” nella preesistenza storica è tuttavia smorzata dal mantenimento e dalla valorizzazione di quegli elementi di pregio che vengono recuperati e posti in risalto: i soffitti a cassettoni e il parquet nelle camere, le travi a vista nella zona giorno, i quadrotti recuperati nel solaio intarsiati come elementi di decoro nei nuovi arredi su misura.

L’ingresso avviene direttamente su di un ampio ambiente giorno a doppio affaccio che si organizza attorno a un blocco centrale ribassato. Cucina a scomparsa da un lato, mobile TV e libreria dall’altro, questo elemento permette di suddividere idealmente l’area salotto relax e la sala da pranzo conservando la percezione di un grande ambiente unico e luminoso.

Dal salone si accede direttamente a uno studiolo affacciato sul balcone sul cortile interno attraverso dei gradoni di legno che coprono il dislivello e si integrano al design della scrivania su misura. Nella stessa ala della casa, sempre in diretto collegamento con l’ambiente giorno, si trova la prima “suite” notte composta da un antibagno passante che suddivide la camera da letto tramite una porta vetrata e il piccolo bagno caratterizzato dallo sfondato della doccia sospesa che sporge sulla camera da letto celata all’interno del blocco di castagno. Questo particolare intreccio di volumi permette di creare un ambiente bagno confortevole, seppure in pochi metri quadri, massimizzando la percezione dell’ampiezza dello spazio nella stanza da letto.

Dalla parte opposta del salone si sviluppa la zona notte principale: una cabina armadio passante, costituita da pareti armadio su misura utilizzabili sia dall’interno che dall’esterno delle camere, distribuisce la camera da letto matrimoniale, la sala da bagno e la sala giochi. Quest’ultima, posta in diretta relazione con il soggiorno, è un ambiente filtro predisposto per diventare, eventualmente, un’ulteriore camera da letto. La sala da bagno è disegnata sull’idea di un piccolo percorso spa: attraversando la doccia con un paio di gradini si accede alla vasca, il tutto all’interno di una sorta di “grotta” stilizzata in cui il microcemento del pavimento prosegue più scuro a parete e come rivestimento delle murature. Lo spazio relax si integra con la funzionalità della lavanderia ricavata a scomparsa nel mobile a parete all’ingresso del bagno.

Tutti i mobili a parete sono realizzati su nostro progetto dal nostro falegname di riferimento e rispondono alla logica di ricavare il massimo dello spazio senza essere “invadenti” ma mimetizzandosi il più possibile con l’involucro dell’ambiente stesso. E’ lo stesso principio del resto che regola la scelta delle porte a filo muro così come dei condizionatori da incasso a scomparsa: gli elementi funzionali si neutralizzano il più possibile per lasciare spazio ai fuochi forti del progetto, come la cucina, i blocchi bagno, i gradoni di raccordo con il piano dei balconi esterni.

Gli arredi aggiuntivi, a questo punto, sono elementi che ammorbidiscono la razionalità delle linee: grandi articoli di design, pezzi di antiquariato di proprietà o accessori, come le applique in alabastro e ferro, disegnati ad hoc dallo studio per completare fino alla cura del minimo dettaglio la coerenza progettuale.

Per questo progetto l'architetto ha scelto